La fenice (2013)

E poi bruci!Bruci di un dolore folle e mai spento.
Bruci come le ali di una farfalla sotto la lente di un bambino violento. Ma non fosti mai farfalla , che debolmente le ali piega e ringrazia Dio della sua breve vita.

E’ la fenice. Moristi ardendo lontano per non bruciare l’amore, volando sulle vette di Eros. Quell’amore dal sonno leggero che trafisse ben prima della notte delle ceneri.

Giungerà il giorno della rinascita, per quanto ancora lunga sia la strada dell’uovo. E quel giorno i tuoi raggi illumineranno la vallata e la notte diventerà mattino molto prima dell’alba.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...